fbpx
Home / Addome / Come rassodare l’addome basso con gli esercizi e la chirurgia

Come rassodare l’addome basso con gli esercizi e la chirurgia

Dire addio alla pancetta fastidiosa è possibile, ecco il segreto!

Di Dott. La Rusca

Come rassodare l’addome basso con gli esercizi e la chirurgia

Che tu sia reduce da una gravidanza, che tu sia schiava di una costituzione imposta per genetica o che tu abbia messo su qualche chilo di troppo nell’ultimo periodo, dovrai per forza fare i conti con il grasso all’addome basso.

L’incubo di ogni donna, e perché no, anche di ogni uomo, è quella pancetta che appare nella parte inferiore dell’addome e che, mi dispiace dirlo, non va via neanche a suon di diete.

Le parole d’ordine in questo caso sono 3:

  1. Pazienza
  2. Costanza
  3. Sacrificio

Ebbene sì, non c’è grasso all’addome basso che se ne vada semplicemente mangiando bene o meno. L’adipe all’addome basso si sa, è quello più radicato e più complicato da mandar via. 

E se noi, invece, avessimo la soluzione?

Vediamo insieme come rassodare l’addome basso, che sia con gli esercizi o, perché no, anche con la chirurgia.

Operazione di addominoplastica: il modo definitivo per eliminare il grasso dall’addome basso  

Ahimè è proprio così: l’unico modo per eliminare il grasso all’addome basso definitivamente è affidarsi all’operazione chirurgica all’addome.

In questo caso specifico, si tratta dell’operazione di addominoplastica, un argomento sempre in auge e sempre attuale. 

In pratica, quando si parla di addominoplastica si intende un intervento all’addome con il quale si rimuove l’eccesso cutaneo e adiposo (nel nostro caso l’adipe dell’addome basso), talvolta con ricostruzione del piano muscolare se si tratta di diastasi dei muscoli retti addominali. 

Eventualmente, spetterà al Chirurgo Plastico Estetico decidere che tipologia di intervento all’addome sarà più appropriata al vostro caso.

Per un maggior approfondimento, ecco quali sono le differenze tra le due tipologie di operazione chirurgica all’addome: “Addominoplastica e mini-addominoplastica: qual è la differenza?

Esercizi per rassodare l’addome basso: quali e quanti sono?

Provare a combattere l’adipe all’addome basso è possibile anche grazie agli addominali bassi, basterà solamente munirsi di un tappetino da ginnastica e di un po’ di spazio dove poter effettuare i movimenti.

Ecco gli esercizi di rassodamento che si possono fare anche da casa:

  • Crunch “Bicicletta”: si fa da sdraiati in posizione supina, con le mani dietro la testa e le spalle sollevate. In questo esercizio di rassodamento dovrete fare un movimento di pedalata orizzontale, lenta e alternata, distendendo al massimo la gamba verso il basso.
  • Forbice: supini, mani vicino ai fianchi e gambe drittissime all’insù. Alternare le gambe con un movimento a forbici da su a giù.
  • Crunch Stella: sdraiati supini, gambe e braccia aperte tipo una stella. Portare gamba e braccio opposti in alto, fino a farli toccare. Ritornate poi in posizione a stella e ricominciate con gli arti opposti ripetendo i movimenti sempre in modo alternato.
  • Candela: sdraiati sempre supini, con mani accanto ai fianchi e gambe leggermente flesse. Sollevate quindi i fianchi verso l’alto, tenendo le gambe ferme rivolte al soffitto e l’addome contratto per pochi secondi. Ritornare con il bacino al pavimento e ricominciare.
  • Plank Bridge: pancia all’ingiù, gomiti piegati (in linea con le spalle) e peso sugli avambracci che sono appoggiati al pavimento. Alzate il petto fino a creare una linea dritta tra testa e piedi. Restate in sospensione contrendo al massimo i muscoli dell’addome e spostando leggermente su e giù le anche. 

Tutti questi sono esercizi utili nel post operatorio di un’addominoplastica, periodo in cui è importante fare un po’ di attività tale da avere un processo di recupero soddisfacente (da effettuare dopo 6-8 settimane dall’intervento all’addome).

Nel post operatorio di un’addominoplastica, infatti, non si migliorerà solo la forma fisica della regione addominale bassa ma si favorirà anche la circolazione, si eliminerà il gonfiore e si recupereranno i tessuti addominali. 

Se stai leggendo questo articolo vuol dire che non ti senti completamente a proprio agio con il tuo corpo. Per questo e per tanti altri dubbi puoi trovare a tua disposizione il Miglior Chirurgo Plastico di Napoli, il Dott. Ivan La Rusca, che risponderà ad ogni tua domanda.

COMPILA IL FORM così da essere ricontattato il più presto possibile e fissare il tuo appuntamento con il Dottore!

Articoli correlati:

12 Gen 2021
Quali sono gli inestetismi estetici dopo un intervento di chirurgia post-bariatrica?

Cosa spinge una persona ad affidarsi alla chirurgia plastica? Spesso ci possono essere delle motivazioni puramente estetiche, altre volte, invece, subentra il fattore psicologico.  E cosa accade, invece, quando l’unica possibilità di allungare la propria prospettiva di vita dipenda proprio da una drastica operazione chirurgica? Proprio per questo motivo, in molti si trovano costretti a […]

leggi di più
21 Dic 2020
Pancia molle post parto: cosa fare?

L’arrivo del primo figlio si sa, è sempre un’immensa gioia. Non si può nascondere, però, il fatto che insieme alla gioia del nuovo arrivato bisogna fare i conti con un corpo che non sembra più lo stesso. Convivere per 9 mesi con un coinquilino che man mano cresce dentro di sé, non può che modificare […]

leggi di più
27 Nov 2020
Addominoplastica e mini-addominoplastica: qual è la differenza?

Fin troppo spesso capita di sentire persone che si interrogano sulla differenza tra addominoplastica e mini-addominoplastica. Una fa più male rispetto all’altra? O la mini-addominoplastica dura forse di meno rispetto a quella standard? Qual è la reale differenza? In questo articolo cercherò, quindi, di rispondere ad ogni dubbio, provando a chiarire finalmente le idee riguardo […]

leggi di più