fbpx
Home / Seno / Seno asimmetrico: cause e come correggerlo chirurgicamente

Seno asimmetrico: cause e come correggerlo chirurgicamente

Di Dott. La Rusca

Seno asimmetrico: cause e come correggerlo chirurgicamente

Il seno asimmetrico non è una condizione patologica rara, in quanto dobbiamo pensare che nel nostro corpo sono presenti diverse asimmetrie fin dalla nascita. Per capire meglio questo concetto, se idealmente dividiamo a metà il nostro corpo, tra lato destro e lato sinistro, e osserviamo attentamente, possiamo notare delle lievi differenze che non impattano dal punto di vista estetico.

Ci sono casi in cui però l’asimmetria, se riguarda il seno e le mammelle, può creare una sorta di disagio nella donna, che tuttavia può essere eliminato affidandosi a un bravo chirurgo estetico che sappia individuare la problematica e proporre la soluzione più adeguata.

Quali sono le principali problematiche che possono riguardare il seno asimmetrico?

  • Asimmetria di volume
  • Asimmetria di forma
  • Asimmetria di posizione

Asimmetria di volume: quando si verifica?

Come detto, esistono asimmetrie di volume che in un certo range sono da definirsi normali; ma quando la differenza di volume è netta, allora bisogna intervenire per ripristinare una forma armonica.

Possono poi sussistere alcune situazioni patologiche, tra cui la sindrome di Poland, in cui può verificarsi la completa assenza della ghiandola mammaria da un lato.

Che cosa sono un’asimmetria di posizione e un’asimmetria di forma?

Questi casi possono essere accomunati dalla completa presenza delle due mammelle, che però si trovano o in una posizione differente o che hanno forme diverse.

Si parla di asimmetria della forma quando le due mammelle appaiono esteticamente differenti nella forma e/o nella posizione, invece sono caratterizzate dalla presenza di 2 mammelle formate ma che appaiono totalmente differenti.

Quando effettuare l’intervento per correggere l’asimmetria del seno?

Capire quando è il momento giusto per effettuare l’intervento di simmetrizzazione delle mammelle è compito di un bravo chirurgo. Soprattutto nel caso di pazienti molto giovani che in futuro potrebbero affrontare gravidanza e allattamento, l’evoluzione delle due mammelle potrebbe essere differente.

Vanno anche evitate le diete drastiche e l’effetto yoyo, proprio perché il seno è sensibile ai cambiamenti che coinvolgono il peso.

Come si corregge l’asimmetria di volume del seno?

Nel caso in cui ci troviamo di fronte a due mammelle conformate, ma una è evidentemente più grande dell’altra, allora è possibile effettuare un impianto che coinvolga entrambe le mammelle utilizzando protesi personalizzabili, realizzate da aziende leader nella produzione che possano offrire un’ampia scelta di soluzioni.

Si può agire sia con una mastoplastica additiva che con una mastoplastica riduttiva, a seconda delle esigenze della paziente.

Come si correggono le asimmetrie della forma del seno?

Quando abbiamo due mammelle che differiscono per forma, il chirurgo deve lavorare sul parenchima ghiandolare del seno. In base alla conformazione del seno si può valutare anche l’inserimento di una protesi, nel caso in cui sia necessario rendere simmetrico anche il volume.

Nel caso in cui sia possibile lavorare sul parenchima ghiandolare, si potrà ottenere un risultato più costante nel tempo perché si otterranno due mammelle con un volume ghiandolare uguale o simile.

Ciò consente anche di ottenere delle mammelle che risentano meno di eventuali cambi ponderali dovuti a gravidanze e diete.

Quando ci troviamo di fronte a una mammella che risulti cadente rispetto all’altra, è necessario effettuare una mastopessi monolaterale. In questo caso si può operare rimuovendo la parte eccedente e riportare il complesso composto da areola e capezzolo nella stessa posizione.

Come si correggono le asimmetrie del seno che riguardano la posizione?

Di fronte a un’asimmetria di posizione, il chirurgo dovrà operare selezionando caso per caso la soluzione più adatta, nel caso in cui ci troviamo di fronte a un solco sottomammario più alto o più basso rispetto all’altro seno.

In questo caso bisogna creare un nuovo solco sottomammario per creare una situazione di simmetria.

In conclusione, il decorso operatorio in tutti i casi è abbastanza delicato: per questo motivo è necessario affidarsi a un chirurgo dalla comprovata esperienza. Potrebbero essere necessarie delle sedute di lipofilling post-intervento chirurgico, a distanza di alcuni mesi, per migliorare i risultati ottenuti.

Hai un problema che riguarda la forma del seno? Questa situazione ti crea disagio e non ti consente di apprezzare il tuo aspetto? Affidati con fiducia all’esperienza e alla professionalità del Dott. Ivan La Rusca.

Racconta la tua storia utilizzando il form di contatti presente sul sito oppure richiedi un appuntamento. Il tuo corpo non deve procurarti insoddisfazione: per risolvere i problemi relativi alla simmetria del seno rivolgiti al Dott. Ivan La Rusca.

Articoli correlati:

5 Mag 2021
Mastoplastica additiva: protesi rotonde o anatomiche?

Quando una donna decide di intraprendere un percorso per l’aumento volumetrico del seno esistono tanti fattori che un bravo chirurgo estetico deve tener presenti. C’è una componente psicologica inerente alla necessità della paziente di acquisire fiducia in sé stessa e nel proprio corpo, e c’è poi un aspetto riguardante le aspettative. Spesso la paziente entra […]

leggi di più
9 Apr 2021
Estetica del seno: trattamenti chirurgici o estetici?

Soffri di seno cadente, svuotato o, addirittura troppo grande, e questo status compromette la tua autostima e i tuoi rapporti interpersonali? Forse è arrivato il momento di considerare l’idea di cambiare la situazione e di tornare a sentirti a proprio agio con il tuo corpo. Intervenire sul seno non vuol dire solo ingrandire un seno […]

leggi di più
24 Mar 2021
Seno svuotato e cadente: come rimediare?

Lo svuotamento del seno è un fenomeno dovuto ad un rilassamento dei tessuti, che perdono rapidamente di tonicità e non riescono più a sostenere la ghiandola mammaria.

leggi di più