fbpx
Home / Viso / Come correggere le palpebre cadenti con la chirurgia estetica?

Come correggere le palpebre cadenti con la chirurgia estetica?

Di Dott. La Rusca

Come correggere le palpebre cadenti con la chirurgia estetica?

Le palpebre cadenti sono un estetismo che ha un effetto di grande impatto sul viso: lo sguardo risulta più spento e appesantito e, nel complesso, può dare l’impressione di un volto più adulto rispetto all’età biologica.

Se questo inestetismo ti fa sentire a disagio e pensi di poter migliorare il tuo aspetto, allora la prima cosa da fare è rivolgerti a un buon chirurgo estetico che ti possa guidare al meglio per assicurarti una buona riuscita dell’intervento, e soprattutto che sia in grado di mostrarti quali sono gli obiettivi che potrai raggiungere attraverso la blefaroplastica.

Che cosa si intende per palpebre calanti?

Le palpebre cadenti sono causate da tessuto cutaneo in eccesso e da borse sottocutanee composte da adiposità localizzate che possono essere rimosse chirurgicamente.

Queste ultime si formano nella regione infraorbitaria e nella regione delle palpebre superiori. In particolare, assistiamo a un fenomeno di blefarocalasi con un’erniazione del grasso dovuta alla lassità del muscolo orbicolare, che si verifica nella regione infraorbitaria, ma anche nella porzione delle palpebre superiori.

Come si svolge un intervento di blefaroplastica?

L’intervento consiste nell’asportazione sia del tessuto cutaneo in eccesso che delle borse di adipe. Il chirurgo esegue delle piccole incisioni nella zona della rima inferiore palpebrale, mentre la cicatrice si va a posizionare in una parte nascosta, generalmente rappresentata dalla riflessione della palpebra.

La cicatrice, nel corso del tempo, tenderà a sbiancare, così da essere quasi totalmente invisibile.

Generalmente l’intervento è effettuato in anestesia locale, con un bravo anestesista che avrà il compito di minimizzare i piccoli disagi che comporta l’intervento.

In alcuni casi, per i pazienti particolarmente emotivi, l’operazione può essere effettuata in anestesia totale per consentire un maggior comfort, soprattutto se si ha la necessità di operare a livello delle palpebre sia superiori che inferiori.

Per maggiori dettagli visiona il video sulla blefaroplastica del Dott. Ivan La Rusca

Tempi di recupero post- intervento blefaroplastica: quali sono?

I tempi di recupero completi sono stimati intorno alle due settimane. Già dopo le prime 48h che seguono l’intervento sarà possibile riprendere la maggior parte delle attività quotidiane, avendo cura di utilizzare degli occhiali da sole.

Dopo sette giorni possono essere rimossi i punti di sutura. Sarà poi il chirurgo a indicare alla paziente la necessità di ulteriori controlli.

Nella regione di intervento si possono sviluppare degli edemi e delle ecchimosi che sono naturali, in quanto la zona di intervento è costituita da tessuto cutaneo abbastanza sottile e lasso.

L’esposizione al sole può essere effettuata solo a piena scomparsa dei segni dell’intervento e sempre con l’utilizzo di una protezione solare. Il make up può essere utilizzato già dieci giorni dopo l’intervento, mentre per chi utilizza lenti a contatto si raccomanda di aspettare un tempo di almeno tre settimane prima di impiegarle nuovamente.

L’intervento, infatti, potrebbe causare una lieve infiammazione della congiuntiva, per cui, nell’ottica di un maggior comfort, sarebbe opportuno utilizzare gli occhiali.

Perché è necessario rivolgersi a un chirurgo esperto per la blefaroplastica?

La blefaroplastica è un intervento di routine, ma questo non significa che non richieda un team specializzato per la sua esecuzione.

Nel dettaglio, il chirurgo deve essere accompagnato da un’anestesista qualificato. Inoltre deve essere specializzato in questo intervento, altrimenti si potrebbe correre il rischio di un’asportazione eccessiva del grasso andando così a creare delle zone di affossamento, mettendo in evidenza un altro inestetismo che comunemente definiamo come occhiaie.

Desideri un volto dall’aspetto più giovane e vuoi migliorare il tuo sguardo? Rivolgiti al Dott. Ivan La Rusca. Grazie a un know how consolidato e a un aggiornamento costante, il Dott. La Rusca ti offre la possibilità di raggiungere i tuoi obiettivi in piena sicurezza e affidandoti a un professionista serio e qualificato.

Se vuoi correggere le palpebre calanti con una blefaroplastica, completa il form oppure prenota un appuntamento.

Articoli correlati:

11 Giu 2021
Come ringiovanire il viso con interventi chirurgici poco invasivi

Avere un aspetto giovanile è il sogno di tutte le donne, ma non sempre l’età biologica coincide con l’età mostrata. La formazione delle rughe, il rilassamento dei tessuti e la formazione di inestetismi possono essere causati da fattori esogeni (come l’esposizione alla luce solare naturale o artificiale, smog, fumo, dieta squilibrata) che potrebbero causare un […]

leggi di più
28 Apr 2021
Aumento volume delle labbra: quali filler sono consigliati (e quali no)

Le labbra da sempre sono simbolo di seduzione e bellezza femminile. Con il tempo le strutture del volto, in particolare le strutture sottocutanee che sovrintendono alla tonicità del viso, tendono a un processo di assottigliamento, e così anche le labbra, che possono perdere la loro forma piena e definita. Questo fenomeno avviene naturalmente con il […]

leggi di più
22 Apr 2021
Ridurre le rughe con il botox: perché è sicuro e i miti da sfatare

Quando si parla di rimedi legati alla medicina estetica, le voci e i pareri si moltiplicano in maniera esponenziale. In particolare, questo succede quando si parla di Botox (anche noto come “tossina botulinica”). Tra le obiezioni più frequenti c’è quella secondo la quale il botox falserebbe il viso al punto tale da creare una maschera […]

leggi di più