Home / Seno / A che età rifarsi il seno?

A che età rifarsi il seno?

Di Dott. La Rusca

A che età rifarsi il seno?

Il décolleté è una delle zone più sensibili quando si parla del corpo femminile. Molte desiderano un seno più generoso di quanto la natura non abbia concesso loro; altre non sono soddisfatte della forma, mentre altre donne ancora desiderano correggere asimmetrie e difetti estetici che le fanno sentire a disagio.

Lo scopo della chirurgia plastica è quello di ripristinare l’armonia delle forme del corpo per dare la possibilità alle donne, in questo caso, di poter migliorare il proprio corpo e di sentirsi più vicine all’immagine che vorrebbero assumere.

Tuttavia alla chirurgia plastica bisogna avvicinarsi con buon senso e attraverso la guida di un chirurgo plastico dalla riconosciuta professionalità.

Mastoplastica additiva: qual è il momento migliore per pensare all’intervento?

Secondo quanto successo in passato, il sogno di una mastoplastica additiva non riguarda solo le donne mature. Le giovani sentono sempre di più la pressione sociale, dovuta anche all’eccessiva diffusione di contenuti e immagini riguardanti la propria vita e le proprie esperienze.

Non deve stupire quindi se la mastoplastica additiva figura tra i regali più richiesti dalle diciottenni. Come abbiamo detto, alla chirurgia plastica ci deve avvicinare con convinzione, ma anche con mente aperta.

È indispensabile, infatti, che si instauri un buon rapporto con il chirurgo, perché sia possibile un dialogo che porti a sondare motivazioni e soluzioni. L’intervento, pertanto, può essere effettuato quando la paziente raggiunge una maturità tale da comprendere le possibilità e i limiti dell’intervento stesso.

Compito di un chirurgo plastico coscienzioso sarà quello di valutare l’idoneità all’intervento attraverso l’analisi di requisiti fisici, psicologici e anche di età.

C’è un’età per sottoporsi la mastoplastica additiva?

Se sei minorenne la legge vieta categoricamente il ricorso al bisturi. A 18 anni è possibile rifare il seno, ma allo stesso tempo non è consigliabile. Bisognerebbe attendere i 22 anni, quando l’individuo dovrebbe aver completato il proprio sviluppo psicofisico.

La prima valutazione del chirurgo sarà quella di capire se i seni sono completamente formati e se la paziente e consapevole di ciò che ha richiesto.

C’è una fascia di età ottimale per rifarsi il seno?

Dai 22 ai 40 anni probabilmente assistiamo alla fase migliore in cui intervenire. Tuttavia ci sono alcuni aspetti da valutare, come le possibili e future gravidanze e lo stato di salute generale. Perciò, questo percorso va comunque concordato con il chirurgo per capire quali sono gli step da seguire prima di effettuare un cambiamento così importante.

Cosa succede quando si desidera rifare il seno dopo i 40 anni?

Invecchiare è un processo che comporta diversi risvolti psicologici. Sentirsi a proprio agio con il proprio corpo, avere un aspetto giovanile, sono desideri che spesso partono da come ci sente dentro.

Talvolta, gli inestetismi che riguardano il passare del tempo possono causare un vero e proprio disagio, perché la persona non si riconosce più nel proprio aspetto. Tuttavia, con il passare del tempo diventa più complesso avvicinarsi alla chirurgia plastica.

Per esempio, per quanto riguarda le donne dai 50 anni in poi, occorre maggiore attenzione nella valutazione dei rischi e benefici dell’intervento, proprio perché va considerato lo stato di salute della paziente e se ci sono eventuali cure in corso.

Dopo i 50 potrebbe essere più conveniente ricorrere a una mastopessi soprattutto nel caso di un seno cadente, per ridare forma e volume. L’intervento è conosciuto anche come lifting del seno e può essere praticato anche in soggetti più giovani a seguito di diete particolarmente drastiche.

Non sei soddisfatta del tuo seno? Hai bisogno di una consulenza personalizzata? Diffida da chi promette soluzioni a tutti i costi e affidati a un chirurgo plastico serio e competente.

Contatta il Dott. Ivan La Rusca per maggiori informazioni e per una consulenza personalizzata.

Articoli correlati:

10 Set 2021
Free Nipple: la campagna americana e l’aumento di richiesta del ritocco ai capezzoli

Il seno completamente sdoganato da ogni forma di tabù: questo è l’obiettivo della campagna Free The Nipple, che pone l’accento sulla facoltà delle donne di poter mostrare il seno liberamente, senza cioè che vi sia un particolare riferimento sessualizzato. I capezzoli femminili, infatti, rappresentano ancora troppo spesso una proibizione, qualcosa da nascondere perché interconnesso con […]

leggi di più
11 Mag 2021
Seno asimmetrico: cause e come correggerlo chirurgicamente

Il seno asimmetrico non è una condizione patologica rara, in quanto dobbiamo pensare che nel nostro corpo sono presenti diverse asimmetrie fin dalla nascita. Per capire meglio questo concetto, se idealmente dividiamo a metà il nostro corpo, tra lato destro e lato sinistro, e osserviamo attentamente, possiamo notare delle lievi differenze che non impattano dal […]

leggi di più
5 Mag 2021
Mastoplastica additiva: protesi rotonde o anatomiche?

Quando una donna decide di intraprendere un percorso per l’aumento volumetrico del seno esistono tanti fattori che un bravo chirurgo estetico deve tener presenti. C’è una componente psicologica inerente alla necessità della paziente di acquisire fiducia in sé stessa e nel proprio corpo, e c’è poi un aspetto riguardante le aspettative. Spesso la paziente entra […]

leggi di più