Home / Braccia / Sudorazione ascellare eccessiva: rimedi medici e chirurgici per guarire

Sudorazione ascellare eccessiva: rimedi medici e chirurgici per guarire

Di Dott. La Rusca

Sudorazione ascellare eccessiva: rimedi medici e chirurgici per guarire

Il sudore prodotto dai pori della nostra pelle è fondamentale per il perfetto funzionamento del nostro organismo. I pori ricoprono il corpo interamente, ma in alcune zone, a causa di una concentrazione maggiore di ghiandole sudoripare, il sudore viene prodotto in maggior quantità.

Si tratta delle zone che comprendono i palmi delle mani, i piedi e soprattutto le ascelle. Quando il sudore è davvero eccessivo, si può parlare di iperidrosi ascellare.

Cos’è l’iperidrosi ascellare

L’iperidrosi è quando si presenta sudore eccessivo che provoca disagio e imbarazzo nel soggetto che ne soffre. È un fenomeno che si verifica quando il sistema nervoso simpatico è alterato e le ghiandole sudoripare producono una secrezione di sudore superiore ai 100 mg per cm quadrato al minuto.

Esistono due tipi di iperidrosi:

  • Iperidrosi focale: quando l’eccessivo sudore si focalizza su una parte specifica del corpo, come mani, piedi o ascelle. In questo caso si tratta di iperidrosi palmare, plantare o ascellare.
  • Iperidrosi generalizzata: quando l’eccessivo sudore coinvolge più parti del corpo. L’eccessiva sudorazione deve essere tenuta sotto controllo per evitare la prolificazione di germi e batteri che possono causare molti disturbi dermatologici come la dermatite da contatto, micosi cutanee e intertrigine.

Cosa causa l’iperidrosi ascellare?

In molti soggetti, sia uomini che donne, l’eccessiva sudorazione si può scatenare in situazioni di ansia, stanchezza, stress o quando si provano forti emozioni. Il disturbo è motivo di fastidi e imbarazzi a causa della formazione di chiazze bagnate e giallognole sui vestiti e del cattivo odore che ne consegue.

Si può essere soggetti all’iperidrosi secondaria o primaria: 

  • Iperidrosi secondaria: si parla di iperidrosi secondaria quando l’eccessiva sudorazione è sintomo di un disturbo o di una patologia già nota come l’ipertiroidismo, obesità, menopausa, malattie psichiatriche o terapie ormonali.
  • Iperidrosi primaria: Si tratta di iperidrosi primaria, invece, quando il fenomeno è una malattia di per sé, ereditaria o genetica. Questo disturbo è più frequente dell’iperidrosi secondaria e si presenta già nell’infanzia e durante la pubertà, protraendosi per tutta la vita.

Rimedi per l’iperidrosi ascellare: dall’igiene al botulino

Alcune semplici abitudini igieniche permettono di contrastare l’eccessiva sudorazione come:

  • L’utilizzo di prodotti antitraspiranti, che servono a contenere la produzione di sudore;
  • Depilare il cavo ascellare, utilizzo di indumenti naturali quali cotone e lino

Per intervenire con maggiore efficacia, per l’iperidrosi si utilizza il botulino, iniettato nel cavo ascellare. L’effetto dell’iniezione dura circa 6 mesi, non è invasivo quanto un intervento chirurgico ed è di semplice esecuzione, se eseguito da un medico professionista.

Nei casi più difficili da trattare, si può procedere con l’intervento chirurgico: si tratta di effettuare delle incisioni sulla regione ascellare per distaccare la cute dalle ghiandole. In questo modo, si produce l’interruzione della sudorazione in maniera definitiva.

Articoli correlati:

26 Mar 2019
Prevenire la sindrome del tunnel carpale: come fare

La sindrome del tunnel carpale è ormai diffusissima e può colpire soprattutto le donne. Ma come fare per prevenirla? Ecco alcuni preziosi consigli

leggi di più
28 Giu 2017
Sindrome del tunnel carpale: cause e cura

Cerchi un esperto in chirurgia esperto nella sindrome del tunnel carpale? Prenota una visita dal Dottore Ivan La Rusca

leggi di più