Morbo di Dupuytren napoli

Prenotazioni +39 081 011 78 01

Specialista in
Chirurgia Plastica ed Estetica
Prenotazioni +39 081 011 78 01

PRENOTA UN APPUNTAMENTO

Regalati il tempo
Cambiare per essere se stessi
Chi é la più bella adesso?
La bellezza
non é peccato.
Il miglior risultato
é quello che non si vede
In un mosaico perfetto ogni tassello merita il posto giusto
Il tuo corpo
parla da solo.
Armonia delle forme, benessere della mente
Quando l’arte incontra la scienza
L’artista é colui in cui la mano, la testa ed il cuore procedono in accordo
Essere in sintonia con il proprio corpo per non sentirsi a disagio con sé stessi.

Morbo di Dupuytren

Il morbo di Dupuytren: cos’è

Il morbo di Dupuytren è un’alterazione progressiva e permanente della fascia del palmo della mani che diventa sempre più spessa coinvolgendo le strutture adiacenti: cute, tendini, fasci vascolo nervosi

Cause e sintomi

Le cause sono sconosciute, anche se sono state proposte nel tempo varie teorie su base microtraumatica, vascolare, autoimmune, genetica, etc.

All’inizio provoca la formazione di noduli e progressivamente causa una retrazione in flessione delle dita con l’impossibilità ad estendersi. Si forma in seguito una corda con la retrazione dell’anulare, del mignolo e del medio. Negli stadi più gravi le dita appaiono completamente flesse nel palmo della mano e l’estensione non appare più possibile.

morbo di dupuytren

Morbo di Dupuytren: i soggetti più a rischio

I Soggetti più colpiti sono prevalentemente gli uomini dai 50 anni in su, ed è più diffusa nei paesi anglosassoni. Questo dato rileva una possibile predisposizione genetica e familiare nel contrarre la malattia.

Inoltre, tra i possibili soggetti a rischio, vi sono:

  • Diabetici, a causa della glicemia alta
  • Epilettici, per l’elevato consumo di farmaci anticonvulsivanti
  • Fumatori abituali
  • Consumatori di elevate quantità di alcol
  • Vittime di traumi severi alla mano, soprattutto al polso

Diagnosi, terapia e tempi di recupero

La diagnosi è prevalentemente clinica ed appare agevole negli stadi più avanzati.

La terapia è generalmente chirurgica; sono state proposte metodiche alternative come l’utilizzo di aghi o la distensione progressiva, ma l’intervento di apertura e rimozione della corda fibrosa è ancora la metodica più efficace.

L’anestesia è locoregionale e il recupero è di qualche settimana, anche se la mano viene mobilizzata precocemente già dai giorni successivi-

A volte l’utilizzo di un tutore e la fisioterapia aiutano a recuperare più velocemente.

Il tasso di recidiva appare basso.

 

STUDIO

NAPOLI - Via Cilea 250 - 0810117801 / INFOLINE - 3476150507 - chirurgiaplastica@ivanlarusca.it

©2014 Ivan La Rusca - Tutti i diritti riservati - Partita Iva 07849010637
Web Marketing
FAQ | PRIVACY  

NAPOLI
Via Cilea 250 - 0810117801

INFOLINE
3476150507

chirurgiaplastica@ivanlarusca.it

©2014 Ivan La Rusca - Tutti i diritti riservati

Partita IVA 07849010637

emmemedia