Chirurgia del seno napoli

Prenotazioni +39 081 011 78 01

Specialista in
Chirurgia Plastica ed Estetica
Prenotazioni +39 081 011 78 01

PRENOTA UN APPUNTAMENTO

Regalati il tempo
Cambiare per essere se stessi
Chi é la più bella adesso?
La bellezza
non é peccato.
Il miglior risultato
é quello che non si vede
In un mosaico perfetto ogni tassello merita il posto giusto
Il tuo corpo
parla da solo.
Armonia delle forme, benessere della mente
Quando l’arte incontra la scienza
L’artista é colui in cui la mano, la testa ed il cuore procedono in accordo
Essere in sintonia con il proprio corpo per non sentirsi a disagio con sé stessi.

Mastopessi

La mastopessi (o lifting mammario) è un intervento di chirurgia estetica che mira al miglioramento del profilo e consistenza del seno.

Quando ricorrere ad un intervento di mastopessi

Il lifting mammario è indicato in casi di seno svuotato e cadente, causato spesso in seguito ad una gravidanza o dieta. Queste condizioni possono infatti determinare una drastica riduzione del volume mammario e un abbassamento della mammelle, definita ptosi, che comporta il rilassamento della cute e dei legamenti ghiandolari.

La ptosi mammaria è la condizione in cui il capezzolo si trova ad un’altezza inferiore del solco sottomammario. In una condizione normale, invece, il capezzolo si trova all’altezza del solco.

In base alla sua gravità, la ptosi si suddivide in:

  • Lieve, quando il capezzolo presenta una distanza dal solco minore di 2 cm
  • Moderata, quando vi è una distanza di 3-4 cm
  • Severa, distanza superiore ai 4 cm

Un particolare tipo di ptosi mammaria, è la ptosi ghiandolare presente soprattutto nelle pazienti più giovani: si verifica quando il capezzolo mantiene la sua posizione normale ma la ghiandola mammaria sporge al di sotto del solco sottomammario. Anche se l'aspetto rimanda ad una ptosi vera e propria, in questo caso l'intervento chirurgico non richiederà lo spostamento in alto del capezzolo.

Mastopessi e pre-intervento

  • Effettuare una mammografia e/o ecografia soprattutto nelle pazienti over 40
  • Evitare di assumere farmaci con acido acetilsalicilico (come ad es. aspirine)
  • Ridurre il fumo almeno una settimana prima e dopo l’intervento
  • Procurarsi un reggiseno elastico della misura del seno dopo l’operazione
  • Non assumere cibi e bevande la notte prima dell’intervento, a partire dalla mezzanotte

L'intervento: come correggere la ptosi mammaria

Esistono diverse tecniche chirurgiche per correggere la ptosi mammaria, che differiscono tra loro per le cicatrici residue, la forma ottenibile, e l’impiego o meno di protesi mammarie.

In casi di ptosi lieve, l'intervento può essere eseguito mediante l'utilizzo della tecnica round block, con cicatrici solo periareolari. Nelle forme di ptosi moderata,l’operazione determina una cicatrice circolare intorno all' areola, ed una verticale che parte dall'areola e giunge al solco mammario. In condizioni di ptosi severa infine, oltre alle cicatrici già descritte per le ptosi moderate se ne aggiunge una terza, che cade all' interno del solco sottomammario, e caratterizzata da un disegno a T invertita. Le incisioni cutanee praticate sono in genere le stesse che si utilizzano nella riduzione mammaria.

Se la paziente inoltre, presenta un volume di seno insufficiente, è possibile introdurre protesi mammarie in silicone.

Trattamento post-operatorio

In seguito ad un lifting mammario:

  • Per ridurre possibili complicazioni si utilizzano dei drenaggi in aspirazione, che rimuovendo gli accumuli sieroematici, prevengono la formazione di ematomi e/o infezioni. I drenaggi vengono rimossi dopo circa 24-48 ore
  • Subito dopo l'intervento la paziente indosserà un reggiseno elastico-sportivo, da portare giorno e notte per 6 settimane
  • La paziente avrà un leggero gonfiore o edema che scomparirà mediamente dopo 7-10 giorni
  • La doccia è consigliabile solo dopo 10 giorni dall’intervento
  • L’esposizione al sole è indicata solo dopo 4 settimane e in maniera graduale
  • Il colore rossastro delle cicatrici tende a diminuire col tempo, fino a camuffarsi completamente con la pelle nell’arco di 6-12 mesi

Possibile complicanze

Le complicanze sono in genere rare e normalmente non compromettono il risultato finale dell'operazione.

Le possibili complicazioni:

  • Emorragia: il sanguinamento è in genere modesto e si arresta spontaneamente o con una modesta compressione esterna. Questa complicanza è rimediata dall’impiego di drenaggi
  • Infezione: la comparsa di un’infezione richiede una terapia antibiotica mirata e medicazioni più frequenti. Va precisato, che il rischio di infezioni ha delle percentuali bassissime: 1-2% dei casi
  • Perdita di sensibilità al capezzolo: generalmente temporanea e parziale
  • Asimmetrie: sono essenzialmente correlate ad anomalie del processo di guarigione e/o cicatrizzazione, e consistono in lievi differenze nella forma e dimensioni delle mammelle o nella posizione delle areole. Nei casi più evidenti, tuttavia, è possibile migliorare il risultato con un intervento in anestesia locale, dopo un anno dalla riduzione mammaria

I Costi di una mastopessi

I costi dell'intervento di mastopessi includono il compenso del chirurgo, degli assistenti e dell'anestesista; le spese per sala operatoria e degenza, dipendono invece dalla durata e dal tipo di intervento a cui si sottopone la paziente.

 

STUDIO

NAPOLI - Via Cilea 250 - 0810117801 / INFOLINE - 3476150507 - chirurgiaplastica@ivanlarusca.it

©2014 Ivan La Rusca - Tutti i diritti riservati - Partita Iva 07849010637
Web Marketing
FAQ | PRIVACY  

NAPOLI
Via Cilea 250 - 0810117801

INFOLINE
3476150507

chirurgiaplastica@ivanlarusca.it

©2014 Ivan La Rusca - Tutti i diritti riservati

Partita IVA 07849010637

emmemedia